Sandor Ferenczi

SÀNDOR FERENCZI, tra le figure più importanti nel campo della psicoanalisi, nacque nel 1873 a Miskolc, in Ungheria, ottavo di dodici figli di una famiglia di ebrei polacchi. Si laureò in medicina a Vienna nel 1897. Nel 1905 fu nominato perito psichiatra presso la Corte d'assise di Budapest. Nel 1907 conosce Freud e con lui inizia il suo lavoro psicoanalitico. Nel 1907 accompagna Freud nel giro di conferenze che il suo maestro tenne in vari centri degli Stati Uniti. Dopo aver fondato la Società ungherese di psicoanalisi fu eletto nel 1918 presidente della Società Internazionale di Psicoanalisi. L'anno seguente fu nominato professore all'Università di Budapest ed eletto membro onorario della Società Britannica di psicoanalisi. Perseguitato per motivi politici si dimise da tutte le funzioni ufficiali e continuò a esercitare privatamente. Fu l'analista di varie personalità che diverranno nomi importanti per la futura psicoanalisi, come M. Klein, E. Jones, M. Balint, scrisse diversi libri. Morì nel maggio 1933 di un'anemia perniciosa.

in catalogo

CORRISPONDENZA

(1921-1933)

Psiche e coscienza